Ad una certa età è molto comune che insorgano problemi alle ossa. Nell’argomento di oggi ci occuperemo di un problema molto ricorrente e talvolta complicato, soprattutto nelle persone anziane, l’operazione di sostituzione dell’anca. Parleremo dei casi in cui è consigliata l’operazione all’anca con protesi, dei giorni di ricovero, daremo alcuni suggerimenti sugli esercizi da fare per rafforzare la protesi all’anca e daremo anche delle linee guida su quando lasciare le stampelle dopo un’operazione all’anca.

Anziani operati all’anca: In quali casi è consigliato?

Per cominciare, spieghiamo che una protesi dell’anca è un dispositivo medico che viene posizionato per sostituire la parte lesa dell’anca con due componenti che si articolano tra loro. Le circostanze in cui è necessaria una protesi possono essere molteplici, ma abbiamo già anticipato che nei casi più gravi sarà necessaria una protesi totale dell’anca:

  • Frattura dell’anca : di solito si verifica nelle persone con diagnosi di osteoporosi e consiste nella rottura della parte superiore del femore. In questo caso, è più comune che il medico raccomandi l’uso di protesi parziali dell’anca.  
  • Artrosi dell’anca: è l’usura della cartilagine che ricopre la superficie della testa del femore, a motivo del suo uso eccessivo. In questo caso, si consiglia una sostituzione totale dell’anca.

Utilizzando una radiografia, il medico valuta le condizioni dell’articolazione e della cartilagine e, sulla base di ciò, confermerà la necessità di operare. La protesi sarà scelta in base alle esigenze personali di ogni paziente, e può essere in metallo, ceramica, polietilene o plastica altamente rinforzata.

Ricovero post operazione all’anca

Dopo un intervento di sostituzione dell’anca, le prime settimane sono fondamentali perché il paziente riacquisti gradualmente la propria autonomia. Due aspetti essenziali per la guarigione del paziente sono l’adattamento del paziente all’interno della casa e l’aiuto fornito dagli operatori sanitari o dai familiari che si occupano dell’anziano.

Nella chirurgia dell’anca, le persone anziane possono soffrire di problemi post-operatori, come complicazioni, infezioni o formazione di coaguli di sangue. I familiari e gli operatori sanitari devono essere consapevoli che questi tipi di complicazioni possono verificarsi a causa degli impianti utilizzati nell’operazione. Se la persona anziana sottoposta a protesi parziale o totale dell’anca si trova in una casa di riposo, il personale sanitario e gli operatori specializzati, presenti h24 aiuteranno il paziente in tutte le sue attività fino alla completa guarigione, indispensabile per una completa riabilitazione.

L’operazione all’anca con protesi comporta solitamente 2 o 3 giorni di ricovero ma dipende da molti fattori come l’età del paziente, la tecnica chirurgica, le complicanze e altri fattori associati. Dopo la dimissione dall’intervento di protesi dell’anca, il paziente deve concentrarsi sul suo recupero, per tornare alle sue attività quotidiane e migliorare la sua autonomia. Quando l’anziano ha il sostegno della famiglia o del personale sanitario della casa di riposo, la sua riabilitazione può essere più sopportabile

Una persona che ha subito un intervento di sostituzione dell’anca dovrebbe cercare di rafforzare i muscoli intorno all’anca ed eseguire esercizi moderati per ritrovare la mobilità. Gli esercizi riabilitativi consigliati dal fisioterapista sono fondamentali e vanno praticati regolarmente a casa, per recuperare l’uso dell’articolazione dell’anca.

Consigli di base dopo l’operazione all’anca

L’obiettivo della chirurgia dell’anca nelle persone anziane è di impiantare una protesi in modo che il paziente possa ritrovare la mobilità e la vita normale senza dolore. Per fare ciò, si consigliano questi suggerimenti di base fino alla completa guarigione e alla guarigione della ferita: 

▪Si consiglia di dormire durante i primi tre mesi in posizione supina (a pancia in su). Se il paziente è disteso su un fianco, con la parte operata in posizione alta, va posto un cuscino grande tra le ginocchia. 

▪ L’anca operata non deve essere piegata più di 90 °.

▪ Dovresti entrare e uscire dal letto solo dal lato operato.

▪ Ginocchia e piedi non devono essere incrociati, sia che tu sia seduto, sdraiato o in piedi.

▪ La gamba operata non deve essere girata in dentro o in fuori.

▪Il paziente deve sempre sedere in posizione rialzata e con braccioli su cui potersi appoggiare. L’altezza del sedile deve corrispondere all’altezza del ginocchio. Il paziente dovrebbe evitare di sedersi su poltrone o divani, poiché sono difficili da alzarsi.

▪ Dovresti sempre scegliere di fare la doccia ed evitare la vasca da bagno, poiché la vasca presenta un rischio maggiore di scivolamento e dislocazione.

▪ Il paziente deve indossare sempre scarpe chiuse, resistenti, con suola che aderisce sufficientemente al suolo. 

▪ Se il paziente deve salire le scale, dovrebbe sempre tenere una mano sulla ringhiera. 

▪ Quando si piega in avanti, il paziente deve piegare in avanti la gamba sana con una leggera flessione e riportare indietro la gamba operata.

Questi suggerimenti dovrebbero essere seguiti fino a quando il disagio dopo l’intervento all’anca nelle persone anziane non si attenua. In ogni caso è conveniente farsi seguire dal medico che ha eseguito l’operazione.

Riabilitazione dopo l’intervento all’anca

La riabilitazione è uno dei momenti essenziali dopo un’operazione all’anca, soprattutto se parliamo di persone anziane, poiché possono presentare maggiori difficoltà di recupero.

Una delle prime domande che ti viene in mente quando hai subito un’operazione di sostituzione dell’anca è quando lasciare le stampelle dopo un’operazione all’anca? La risposta è dipende, ma generalmente si consiglia al paziente di usare due stampelle per camminare, almeno per le prime 4 settimane, seguite da un periodo con una stampella o un bastone per le successive sei settimane.

Successivamente, daremo alcune linee guida per la riabilitazione della protesi dell’anca: 

▪ Il paziente deve eseguire un programma di esercizi specifico per rafforzare il cingolo scapolare.

▪ Al paziente deve essere impedito di piegarsi o di raccogliere oggetti dal pavimento.

▪Una volta che i punti sono stati rimossi, di solito non è necessaria una medicazione. Puoi applicare un agente idratante asciugando la pelle in seguito. Osserva le condizioni della ferita ogni giorno. In caso di arrossamento o secrezione, informare immediatamente il medico. Il gonfiore alle gambe dopo l’intervento di sostituzione dell’anca è normale e può richiedere diversi mesi per scomparire. Elevare la gamba, applicare ghiaccio e indossare calze che comprimono la ferita può aiutare il paziente. Se il paziente manifesta dolore al polpaccio, dolore al petto o mancanza di respiro, dovresti consultare immediatamente un medico, poiché potrebbe essere un sintomo che il paziente soffra di un coagulo di sangue (trombosi venosa profonda o embolia polmonare).

È anche importante menzionare alcuni esercizi per rafforzare la sostituzione dell’anca poiché dopo l’operazione i muscoli sono fortemente influenzati da questo intervento chirurgico:

  • Contrazioni quadricipiti: Sdraiati sul letto sulla schiena con le ginocchia distese, posiziona un piccolo cuscino sotto le ginocchia e premi verso il basso, contraendo il muscolo della gamba per quattro secondi e rilassati. Fallo con entrambe le gambe alternate, 3 serie da 10 ripetizioni.
  • Adduttori dell’anca: Sdraiati sul letto sulla schiena con i fianchi piegati spremerai una pallina con le ginocchia per 3 secondi Esegui questo esercizio 4 serie per 10 ripetizioni.
  • Flessione dell’anca e del ginocchio: Sdraiati sul letto a faccia in su, piega il ginocchio cercando di portare il tallone verso i glutei facendoli scivolare sul letto, esegui questo esercizio 4 serie per 10 ripetizioni.

Va notato che questi esercizi per rafforzare le protesi dell’anca devono essere controllati dalla supervisione di un professionista e devono essere eseguiti quando il professionista lo approva.

Assistenza all’anziano operato: Tutto quello che devi sapere

La maggior parte del processo di guarigione avviene all’interno della casa, quindi gli operatori sanitari dovrebbero essere consapevoli dello stato della casa prima che il paziente vi ritorni. Per questo si raccomanda di creare un ambiente che faciliti il ​​recupero del paziente e lo aiuti a valorizzare le sue consuete attività quotidiane. Questi sono i suggerimenti di base che dovresti tenere a mente:

▪ Aiuta gli anziani a camminare e metti a loro disposizione un bastone, stampelle o qualsiasi altro elemento di cui hanno bisogno per facilitare la loro mobilità.

▪ Assicurarsi che non ci siano oggetti in casa che potrebbero causare l’inciampo o la caduta del malato (cavi allentati, tappeti scivolosi o pavimenti irregolari).

▪ Metti cibo, acqua, medicine, libri, telecomando e tutti gli oggetti a portata del vecchio.

▪ Evitare il più possibile che la persona anziana debba salire le scale. 

▪Evita divani, sedie basse o sedili che si inclinano. Una persona che ha subito una sostituzione dell’anca dovrebbe sedersi su sedie rialzate con braccioli.

▪ Evitare movimenti articolari forzati in quanto possono causare lussazioni.

▪Rischio di infezioni: possono verificarsi infezioni protesiche a causa di un’infezione mal trattata. Al minimo sospetto di infezione, recarsi immediatamente dal medico per un esame e un’eventuale prescrizione di antibiotici.

▪Rischio di cadute: le cadute sono potenzialmente più pericolose nel caso di pazienti con protesi dell’anca. Ad esempio, una frattura del femore sarà più difficile da trattare in una persona che ha subito una sostituzione dell’anca.

▪Metti in ordine la tua casa in modo che gli oggetti importanti siano in luoghi facilmente raggiungibili. 

Ci vogliono diversi mesi prima che il paziente si riprenda da una procedura di sostituzione dell’anca. Il ripristino dell’attività dovrebbe essere effettuato gradualmente dopo due mesi dall’intervento. A seconda dell’età e delle condizioni fisiche del paziente, possono essere necessari dai cinque ai dodici mesi perché il paziente riacquisti pienamente la sua mobilità e sia in grado di svolgere le attività della sua vita quotidiana con piena normalità.

Le persone anziane con osteoporosi hanno maggiori probabilità di subire una frattura dell’anca, si consiglia di ridurre il rischio, assumere integratori di calcio e vitamina D, seguire una dieta sana con una dieta ricca di sostanze nutritive e un esercizio moderato che rafforza la salute delle loro ossa.

Call Now Button
Don`t copy text!